Trinciaerba o trinciatutto: quale scegliere?

Ripulisci erba alta, infestanti, rovi, sottobosco e aree incolte

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

05/08/2021

Tempo di lettura stimato circa 5 minuti

Se devi fare lavori di sfalcio impegnativi o ripulire superfici incolte, sottobosco, cigli stradali o se devi liberare dalla vegetazione fitta terreni in pendenza o accidentati l’attrezzatura giusta è la trincia.

In base alle sue caratteristiche una trincia ha diverse destinazioni d’uso e, di conseguenza, nomi più specifici. Il trinciaerba serve, appunto, per tagliare l’erba alta e coriacea (ma non solo, lo vedremo più avanti), mentre il trinciatutto (chiamato anche trinciasarmenti) è indicato non tanto per l’erba, ma per la vegetazione più grossa – arbusti, rovi, sterpi, canne etc. – e per i resti di potatura o di coltivazione.

Dunque qual è la migliore trincia? Ne parliamo qui, chiarendo le principali differenze fra trinciaerba e trinciatutto.

Chi è il migliore fra trincia, tagliaerba e decespugliatore?

Il trinciaerba è una macchina “ibrida”, a metà strada fra un tagliaerba e un decespugliatore. Con un unico attrezzo fai il lavoro che potresti svolgere con i modelli più performanti di tagliaerba (in particolare per sfalci estesi) e di decespugliatore (soprattutto per lo sfalcio dei punti in pendenza). Con il trinciaerba infatti lavori su spazi ampi più velocemente, con meno fatica e senza esitazioni se devi inerpicarti in salita.

Ad esempio con i nuovi trinciaerba a scoppio per uso privato e trinciaerba a scoppio professionali Efco trituri la vegetazione con lame da mulching rinforzate per una larghezza di taglio di 51-52 cm, lavorando anche in pendio (fino al 20%).

Con il trinciaerba non sfalci solo erba ed erbacce, per quanto alte e dure, ma tagli e trituri anche vegetazione spessa fino a 1,5 cm. Il tutto viene ridotto in frammenti che rimangono sul terreno, arricchendolo di sostanza organica. Con il trinciaerba (e con il trinciatutto) non hai un sistema di raccolta come per i tagliaerba (e, spesso, per i trattorini). Il verde però, una volta sbriciolato in piccoli pezzi, si decompone in modo più veloce di quanto accadrebbe tagliando l’erba con sistemi che la lasciano intera (tagliaerba senza taglio mulching, decespugliatore o falciatrice).

Per quanto riguarda il trinciatutto, il nome è già una promessa, anzi, una dichiarazione vera e propria. Infatti con il trinciatutto affronti anche la vegetazione più ostica e i terreni più complicati, vale a dire gli ambienti – aree incolte e bosco – dove erba, erbacce, alberelli, rovi crescono liberi e si riproducono con rapidità e dove la mancanza di manutenzione regolare lascia per terra sterpaglia, rami, strati massicci di foglie...

Le trince devono essere resistenti, soprattutto per ciò che riguarda il loro componente chiave – il gruppo di taglio – che deve triturare vegetazione consistente, di diverso genere in base al tipo di macchina (trinciaerba o trinciasarmenti). Naturalmente la potenza del loro motore è proporzionata al tipo di lavoro che possono fare. Se, come abbiamo visto, i trinciaerba a scoppio Efco sono dotati di lame da mulching rinforzate, i trinciatutto a scoppio professionali Efco DR 65 K1100H, DR 65 HR11 e DR 80 HR11 montano invece, secondo il modello, un rullo da 65 o 80 cm con rispettivamente 38 e 46 robusti coltelli a Y.

La trinciatrice è uno strumento di lavoro professionale che nasce per l’agricoltura, tanto che puoi acquistarla come “accessorio” da collegare al trattore, alla falciatrice, al motocoltivatore o anche al trattorino. Ma con un trinciaerba o un trinciatutto hai una macchina autonoma, cioè con motore proprio, dedicata a un uso specifico, perciò più efficace. Inoltre, rispetto ai sistemi multifunzione, trinciaerba e trinciatutto sono mezzi più compatti, stabili (anche grazie al baricentro basso) e maneggevoli, dunque ideali su terreni con saliscendi e in pendio (ad esempio con i trinciasarmenti Efco lavori fino al 25% di pendenza). Oppure, ancora, quando devi aggirare molti ostacoli o lavorare tra filari di alberi, come in vigna o nel frutteto.

Il trinciaerba e il trinciatutto non sono attrezzi da giardinaggio puro. Vale a dire che il trinciatutto non è la soluzione ottimale per lavori di precisione o se vuoi un taglio netto e senza sfilacciature, essenziale quando salute dell’erba e resa estetica sono la priorità. Da questo punto di vista, invece, le lame da mulching del trinciaerba ti garantiscono un risultato migliore. In ogni caso, sia con il trinciaerba che con il trinciasarmenti, puoi settare l’altezza di taglio che preferisci, per l’erba e la vegetazione in genere, tramite un comando centralizzato.

Insomma, se devi tagliare il prato all’inglese del giardino ti consigliamo qualcosa di diverso da una trincia: in base alle dimensioni del tappeto erboso e al contesto può essere preferibile un decespugliatore, un tagliaerba o un trattorino.

A proposito puoi dare un’occhiata a queste guide:

Trinciaerba vs trinciatutto: breve focus tecnico

Dopo aver parlato in generale delle differenze fra i diversi tipi di trince, ci soffermiamo brevemente su alcuni aspetti tecnici dei modelli Efco. Abbiamo già detto prima circa i diversi apparati di taglio, aggiungiamo che mentre i trinciaerba a scoppio DEB 517 e DEB 5158 hanno lo scarico laterale, il DEB 528 e tutti i modelli di trinciatutto a scoppio scaricano per terra direttamente dal sottoscocca.

La struttura di queste macchine è compatta e robusta. Rispetto ai trinciatutto a scoppio professionali, però, i trinciaerba a scoppio per uso privato e i trinciaerba a scoppio professionali sono più contenuti e leggeri, proprio perché riservati al taglio dell’erba e di piccoli arbusti invece che agli interventi più drastici e ai contesti più impegnativi.

La trazione dà loro la forza indispensabile per aggredire vegetazione e terreni difficili: trinciaerba e trinciatutto funzionano con sistemi diversi. Mentre il trinciaerba DEB 517 ha un sistema di trazione monomarcia, il DEB 5158 ha un variatore di velocità a 7 posizioni, mentre il DEB 528 e i trinciatutto hanno un cambio a 2 o 3 marce più la retromarcia.

Anche sistema di guida e ruote sono fattori cruciali nelle trince. I trinciasarmenti hanno 2 ruote anteriori pivottanti e le ruote posteriori piene antiforatura. I trinciaerba, invece, hanno una ruota pivottante nel caso del DEB 517 e del DEB 5158, un sistema su slitte il DEB 528. Ruote grandi (del tipo antiforatura per il modello DEB 528) completano l’equipaggiamento per affrontare salite e terreni sconnessi.

Le infestanti sono uno dei bersagli preferiti della trincia, da usare per tenere sotto controllo le malerbe in modo naturale, escludendo gli erbicidi. Puoi approfondire il tema qui: come eliminare le erbacce senza diserbante.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

05/08/2021

Come costruire un gazebo in legno fai da te

Il tuo angolo relax in giardino

Leggi tutto

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

19/07/2021

Come creare un giardino zen

Atmosfere orientali fra verde, acqua e rocce

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

19/07/2021

Come proteggere l'orto dal caldo

Parole d’ordine: acqua e ombra

Leggi tutto