Tagliaerba: come scegliere quello giusto

Perché un prato ben tagliato è un prato sano

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

11/05/2021

Tempo di lettura stimato circa 5 minuti

Nel tuo set da giardinaggio non può mancare il tagliaerba per la manutenzione del prato. Sfalciare infatti è una delle attività più frequenti tra la primavera e l’autunno, necessaria ad accompagnare il prato nello scorrere delle stagioni, anche le meno favorevoli, affinché sia sempre bello e sano.

Certo non basta tagliare l’erba per avere un prato rigoglioso. Il prato va irrigato, concimato, difeso da diversi nemici (malerbe, parassiti, malattie), arieggiato, riseminato quando serve; ma oggi ci concentreremo sullo sfalcio spiegando come scegliere il miglior tagliaerba. Scoprilo con noi.

Come scegliere il tagliaerba

Se hai un minigiardino – pochi metri quadrati di fronte all’ingresso di casa – forse può bastare un tagliaerba manuale, di quelli senza motore con lame elicoidali montate su un cilindro che ruota a spinta. In tutti gli altri casi è meglio optare per una macchina a motore: in base al tipo di alimentazione può essere un tagliaerba a scoppio, un tagliaerba elettrico o un tagliaerba a batteria.

Come scegliere il miglior tagliaerba per le tue esigenze? Valuta la situazione di partenza rispondendo a queste domande:

  • Quanto è grande lo spazio da sfalciare?

  • È un giardino che curi regolarmente, un prato che tagli in modo discontinuo, un terreno incolto in campagna?

  • È in piano o, al contrario, scosceso o a saliscendi?

  • È libero o sono presenti elementi da aggirare come alberi, aiuole, arredi e giochi da esterni, casetta degli attrezzi?

  • È isolato o circondato da case?

  • Nei dintorni c’è una presa per collegarti alla rete elettrica, requisito per impiegare un tagliaerba elettrico?

La potenza del tagliaerba è la variabile determinante per capire quali performance aspettarti: più è potente meglio è, sia per sfalciare prati estesi o accidentati o in salita, sia per tagliare erba alta e coriacea.

La potenza di un tagliaerba è correlata all’alimentazione e, in generale, i tagliaerba a scoppio sono più potenti. Quindi se cerchi un tagliaerba adatto a terreni sconnessi o in pendenza, oppure se vuoi un tagliaerba per affrontare terreni incolti ti consigliamo di orientarti sui modelli a scoppio.

Come scegliere il tagliaerba giusto? Se la priorità va alla potenza e al tipo di alimentazione, che vanno parametrati al carico di lavoro e quindi all’estensione e alle caratteristiche del terreno e del prato da sfalciare, è comunque importante avere una visione d’insieme circa le qualità del tagliaerba:

  • Trazione a spinta o semovente (cioè con ruote mosse direttamente dal motore): scegliere l’una o l’altra cambia il modo di lavorare e l’impegno fisico da mettere in conto.

  • Caratteristiche di taglio: tipi di taglio disponibili (ad esempio il tradizionale taglio rotativo e il mulching), larghezza di taglio, altezze di taglio impostabili.

  • Sistema di scarico dell’erba tagliata: laterale o posteriore, con o senza cesto raccoglierba.

  • Robustezza dei materiali costruttivi: non solo di scocca, ruote e lame ma anche di ciò che si trova “sotto il cofano” del rasaerba.

  • Comodità d’uso: ergonomia, peso, ingombro, maneggevolezza; regolabilità del manubrio e possibilità di piegarlo per il rimessaggio; rumorosità; capienza del sacco raccoglierba e indicatore di riempimento; modalità di regolazione dell’altezza di taglio; numero di marce in caso di trazione semovente etc.

  • Manutenzione: indispensabile per l’efficienza, la durata e la sicurezza di ogni tagliaerba, può essere più o meno impegnativa in base al tipo di alimentazione e alle funzionalità del tosaerba.

  • Prezzo: deve essere proporzionato al tipo di lavoro che fai di solito. Sarebbe poco conveniente sia spendere troppo poco che sovradimensionare l’acquisto rispetto alle tue effettive esigenze. Valuta l’investimento per il tagliaerba tenendo conto anche dei consumi e delle spese di manutenzione.

Quando hai un giardino il tagliaerba è un must, ma quali sono gli altri indispensabili fra gli attrezzi da giardinaggio? Qui trovi una panoramica di tutto ciò che serve per fare giardinaggio da professionisti.

Tagliaerba elettrico versus tagliaerba a batteria

I tagliaerba elettrici come l’LR 44 PE COMFORT PLUS di Efco da 1,5 kW, adatto a superfici fino a 800 m2, sono leggeri, compatti e maneggevoli. Perfetti se non vuoi cimentarti con l’avviamento a strappo dei motori a scoppio e con il rifornimento di carburante, sono silenziosi e non emettono gas di scarico: una soluzione indovinata per sfalciare senza disturbare i vicini di casa. È indispensabile che nelle vicinanze tu abbia una presa elettrica a cui collegare il cavo dell’alimentazione, che va spostato man mano che ti muovi per tagliare, prestando attenzione a non passarci sopra con le lame. La manutenzione del tagliaerba elettrico è veloce: in sostanza si tratta di una pulizia.

Anche la manutenzione dei tagliaerba a batteria è speditiva. Sono tagliaerba piuttosto leggeri e manovrabili che trovi sia in versione a spinta che semovente, come l’LRi 48 T che con la doppia batteria da 5 Ah di serie ti dà un’autonomia fino a 500 m2 (è di serie anche il caricabatteria rapido). Con un tagliaerba a batteria lavori con continuità, senza preoccuparti della presa e del cavo elettrici e neanche del rumore e del gas di scarico. La messa in moto è facile come quella dei tagliaerba elettrici perché basta azionare un interruttore.

I tagliaerba a batteria sono ecologici e pratici da usare: ne abbiamo parlato in dettaglio a proposito di attrezzi da giardinaggio a batteria.

Tagliaerba a scoppio: per terreni sconnessi, incolti e in pendenza

Come dicevamo, in linea di massima i tagliaerba a scoppio sono i più potenti. In realtà in commercio trovi un ventaglio di modelli, adatti a tutte le esigenze e a tutte le tasche: dai tagliaerba a scoppio perfetti per un giardino piccolo a quelli per prati medio-grandi, fino ai modelli di tagliaerba professionali che non temono né superfici ampie né ripide o sconnesse e nemmeno distese d’erba ed erbacce alte e resistenti.

Nel catalogo Efco trovi una varietà di tagliaerba: per esempio il tagliaerba a spinta LR 44 PK COMFORT PLUS da 2,4 kW di potenza, ideale fino a 1.000 m2, e il modello professionale di tagliaerba semovente AR 48 TK ALLROAD ALUMINIUM da 2,9 kW adatto fino a 2.200 m2.

Propendi per un tagliaerba a scoppio, ma avviare il motore ti sembra difficile o faticoso? Puoi scegliere i tagliaerba con avviamento elettrico a batteria, come l’LR 48 TKE COMFORT PLUS: spingi il bottone d’accensione e cominci a tagliare.

Rispetto ai modelli elettrici o a batteria, con i tagliaerba a scoppio hai:

  • Totale libertà di muoverti e organizzare il lavoro come preferisci.

  • Pesi e ingombri proporzionati alla potenza: se hai un giardino affollato di “ostacoli” (alberi, arredi etc.) probabilmente è meglio optare per un modello il più possibile maneggevole. A proposito, tieni conto anche dello spazio che hai a disposizione per il rimessaggio del tagliaerba.

  • Costi di carburante, olio del motore, pezzi di ricambio da sostituire periodicamente (filtro dell’aria, candela etc.).

  • Manutenzione più laboriosa, che però ripaga con una vita lunga in perfetta efficienza del rasaerba.

Se hai ancora qualche dubbio su quale sia il miglior tagliaerba per le tue esigenze, dai un occhio a quello che dovresti sapere prima di acquistare un tagliaerba.

Vuoi conoscere meglio i tagliaerba semoventi? Ecco tutto quello che c’è da sapere su un tagliaerba semovente prima di comprarlo.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

22/06/2021

Come creare il tuo angolo di erbe aromatiche

Un concentrato di bellezza, profumi e sapori

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

22/06/2021

Compost fai da te: la guida completa

Dai valore ai rifiuti, trasformali in risorsa

Leggi tutto

Novità catalogo / News Prodotti

21/06/2021

Nuovi trinciaerba Efco

Un valido supporto nella gestione di aree incolte e boschive

Leggi tutto