I segreti per eliminare le pulci in campagna

Il cane si gratta o si morde? Corri ai ripari

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

06/06/2023

Tempo di lettura stimato circa 5 minuti

Le pulci non vanno confuse con i pidocchi né con le zecche, con cui condividono la caratteristica di nutrirsi del sangue di altri animali. Come sono fatte? Le pulci sono insetti lunghi un paio di millimetri, senza ali, con il corpo appiattito lateralmente e un apparato boccale capace di bucare la pelle dell’ospite e succhiare il sangue. Sono infatti parassiti ematofagi di mammiferi (esseri umani compresi) e uccelli. Si muovono saltando: delle 3 paia di zampe di cui sono dotate, il paio posteriore è adatto a spiccare salti. Per questo non vanno confuse neppure con insetti saltatori del tutto innocui, come i Collemboli.

Il ciclo biologico delle pulci evolve attraverso 4 stadi: uovo, larva, pupa e adulto. Gli adulti, femmine e maschi, succhiano il sangue per riprodursi e sono attivi soprattutto in tarda primavera e inizio autunno. Con le loro punture, sugli animali domestici causano prurito e dermatiti allergiche, mentre se vengono inghiottite possono trasmettere la tenia. Sulle persone le punture, in genere localizzate all’altezza di piedi e gambe, provocano prurito e possono trasmettere batteri responsabili di varie malattie, come peste, tifo e altre.

Pulci in giardino e nel prato

Le pulci depongono le uova sul corpo degli animali, anche di quelli domestici. Dal pelo (o dalle piume) le uova cadono e si disperdono nell’ambiente, specie là dove gli animali passano più tempo. Dunque, nel caso dei quattrozampe di famiglia, nella cuccia e ovunque abbiano accesso: giardino, terrazza, casa. A ogni pulce femmina sul pelo del cane o gatto corrispondono decine o centinaia di uova e, successivamente, di giovani adulti: è per questo motivo che un’infestazione di pulci si manifesta molto rapidamente. Oltretutto la temperatura e l’umidità all’interno delle abitazioni sono l’ideale perché le pulci completino il loro ciclo biologico nel giro di poco tempo (un paio di settimane).

Nelle zone abitate e in campagna le specie di pulci che attaccano sia gli umani che i cani e gatti domestici sono la Pulex irritans (detta pulce dell’uomo, in passato frequente nelle case, oggi rara), la Ctenocephalides felis (pulce del gatto, la più diffusa negli ambienti domestici), la Ctenocephalides canis (pulce del cane), la Xenopsylla cheopis (pulce del ratto), il Ceratophyllus columbae (pulce del colombo), la Leptopsylla segnis (pulce del topo domestico) e lo Spilopsyllus cunicoli (pulce del coniglio).

Come eliminare le pulci in giardino

È difficile individuare le pulci a occhio nudo, ma se vedi il cane o il gatto che si gratta e si morde il pelo con insistenza mettiti in allerta. Per prevenire e controllare le infestazioni di pulci basta rispettare semplici norme igieniche e fare trattamenti antiparassitari sugli animali domestici e negli ambienti.

Per quanto riguarda il quattrozampe una visita veterinaria scioglie ogni dubbio. Oltre ad accertare che si tratti di pulci, suggerisce il trattamento antipulci corretto per la specie e le condizioni di salute del tuo animale. In casa passa con l’aspirapolvere i tappeti, il divano e tutte le suppellettili che è abituato a usare; lava la cuccia ad alta temperatura (60°C). Se l’infestazione è grave, per gli ambienti casalinghi bisogna ricorrere a trattamenti con appositi prodotti antiparassitari.

Usciamo da casa: come eliminare le pulci in giardino? A differenza degli ambienti interni, gli esterni sono meno favorevoli al proliferare di questi parassiti. Qui devi concentrare l’attenzione sui luoghi più propizi, dove possono starsene protette e indisturbate: zone umide, in ombra e frequentate da animali domestici e non.

Erba alta e vegetazione fitta sono ottimi nascondigli – bui e umidi – per le pulci, come per tanti altri parassiti. Quindi tieni il prato basso e pota le piante e, una volta finito il lavoro, raccogli ed elimina sfalcio e resti di potatura. A seconda del caso possono esserti d’aiuto tagliaerba, decespugliatore, cesoie, tagliasiepi, segaccio, svettatoio o potatore.

Il decespugliatore è un attrezzo molto versatile, con cui non regoli solo l’altezza del prato. Montando appositi accessori lo adoperi per vegetazione più consistente: ecco cosa tagli con il decespugliatore.

Per eliminare, o meglio, prevenire le pulci in giardino, tienilo il più possibile ordinato facendo piazza pulita dei potenziali ricettacoli di parassiti. Lo stesso vale per il garage e gli altri spazi di servizio aperti al cane o al gatto. Quando non puoi sbarazzartene, pulisci e riordina: cataste di legna o di altri materiali, attrezzature da giardinaggio etc. Per evitare la presenza di pulci nel prato, fai il possibile perché non rimanga umido a lungo e non si crei ristagno idrico. Sul tema qui trovi i nostri suggerimenti per irrigare l’erba d’estate, utili anche per prevenire le malattie tipiche del prato.

Prendi tutte le precauzioni per far sì che animali con le pulci non entrino e contaminino il giardino (altri animali domestici oppure animali randagi o selvatici, come topi, scoiattoli, volpi, cervi). Quindi togli i resti di cibo del tuo quattrozampe, chiudi i bidoni delle immondizie, verifica che la recinzione non presenti buchi etc.

Considera che le pulci possono attaccare il tuo cane o gatto al di fuori dell’habitat domestico, in zone frequentate da altri animali, semplicemente mentre gironzola nell’erba alta al parco, in campagna o nel bosco. A quel punto sarebbe il tuo stesso animale a portare le pulci in giardino e in casa. Quindi d’estate puoi prevenire le infestazioni somministrandogli un trattamento antipulci.

Come insetticidi per eliminare le pulci di solito si usano i piretroidi, che in giardino sono applicabili con l’atomizzatore a spalla. Tieni conto che alcuni insetticidi di questo tipo possono essere tossici per i gatti, in ogni caso ti consigliamo di contattare il servizio di igiene e sanità pubblica dell’azienda sanitaria locale per una consulenza tecnica su prodotti, modalità e tempi di trattamento. Qui invece puoi vedere il nostro video che illustra come usare correttamente un atomizzatore.

Per tenere sotto controllo le pulci in giardino, nei punti più frequentati dai quattrozampe e nelle zone più buie e umide, puoi acquistare e distribuire anche degli specifici nematodi, minuscoli vermi che le parassitano.

In campagna e in giardino la primavera non è solamente la stagione delle pulci, ma anche di altri parassiti. Assai pericolose per umani e animali sono le larve di processionaria: ecco come liberartene in sicurezza. Hai un vigneto? La ripresa vegetativa coincide con il risveglio del fungo responsabile dell’oidio della vite: l’articolo spiega come prevenire e trattare questa ampelopatia.

Articoli correlati

/ Ispirazioni

16/02/2024

Stalla in legno per ovini fai da te

Dal progetto alla realizzazione

Leggi tutto

/ Mondo Efco

25/01/2024

Catalogo Efco 2024

Vi presentiamo i cataloghi Efco 2024

Leggi tutto

/ Ispirazioni

18/01/2024

Soffiatore a scoppio o a batteria: quale scegliere?

Potenza, facilità d’uso, ergonomia, ecosostenibilità

Leggi tutto

Vuoi un buono sconto di 10€?

Iscrivendoti alla newsletter ricevi subito il tuo regalo di benvenuto e rimani aggiornato con:

Ti invitiamo a visionare l’ Informativa Privacy art. 13 GDPR sul trattamento dei dati personali.
  • Il consenso è necessario per il ricevimento della newsletter.