Processionaria, come eliminarla in sicurezza?

Proteggi le persone, gli animali e le piante

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

22/02/2022

Tempo di lettura stimato circa 4 minuti

La processionaria del pino (Thaumetopoea o Traumatocampa pityocampa) è un lepidottero che si nutre delle foglie (aghi) di pino. Predilige il pino nero e il silvestre ma può attaccare anche altre specie di pino, talvolta altre conifere come il larice, il cedro e l’abete. Esiste anche la processionaria della quercia, ma nel nostro paese la più diffusa è quella del pino.

Malgrado l’aspetto buffo, le larve (bruchi) di questo insetto sono dannose e pericolose, tanto che il decreto 30 ottobre 2007 del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali dispone la lotta obbligatoria contro la processionaria del pino a cura dei proprietari degli alberi colpiti. Oggi vedremo proprio quali rimedi esistono contro la processionaria.

Perché le processionarie sono un pericolo

L’insetto adulto della processionaria è una farfalla notturna che sfarfalla tra fine giugno e inizio settembre. In seguito le femmine depongono le uova dalle quali, dopo circa un mese, nascono le larve che subito iniziano a cibarsi degli aghi di pino e a costruire dei nidi, via via più compatti fino a quello dove sverneranno, pronto a inizio inverno. Durante la crescita i bruchi si ricoprono di peluria urticante.

Riconosci facilmente i nidi delle processionarie del pino: bianchi, sono formati da fili come dei grandi bozzoli con un diametro di 10-20 cm, di norma posizionati alle estremità dei rami degli alberi più soleggiati. Da fine febbraio a inizio aprile i bruchi lasciano il nido e scendono dal pino ospite – in fila, da cui il nome “processionaria” – per trovare un luogo dove interrarsi e diventare crisalide, in attesa di trasformarsi in farfalla durante l’estate (sfarfallamento).

Dicevamo che le larve di processionaria sono dannose e pericolose. Da un lato defogliano gli alberi: non ne compromettono la sopravvivenza ma li rendono più vulnerabili agli attacchi di altri parassiti. Dall’altro la loro peluria urticante provoca infiammazioni e reazioni allergiche, con manifestazioni talvolta molto gravi (shock anafilattico), sia per contatto diretto con l’insetto sia a causa dei peli dispersi nell’ambiente (in aria, per terra o sugli arredi da giardino).

Le irritazioni causate dalla processionaria possono riguardare pelle, occhi, vie respiratorie. Ecco perché, specie tra l’autunno e l’inizio della primavera, non bisogna né toccare bruchi e nidi di processionaria, né sostare sotto o vicino agli alberi infestati. A esserne vittime non sono solo le persone ma anche gli animali. Oltre ad annusare i bruchi, cani e gatti incuriositi possono arrivare a morderli o mangiarli, con conseguenze perfino mortali.

Come eliminare le processionarie

La processionaria è pericolosa al massimo nel periodo in cui abbandona il nido (da fine febbraio a inizio aprile). Prima – quindi tra dicembre e inizio febbraio, quando i nidi di processionaria sono ben visibili – puoi potare il pino per tagliare e bruciare il ramo che sostiene il nido. È possibile anticipare la potatura tra settembre e dicembre.

In base alla situazione, la potatura va fatta con gli attrezzi adatti – motosega da potatura, potatore telescopico o attrezzi da potatura manuali – e con tutte le misure di sicurezza del caso (compreso l’abbigliamento protettivo), prestando la maggior attenzione possibile per prevenire gli effetti irritanti della processionaria.

A proposito di sicurezza qui, per ogni attrezzo da giardinaggio, trovi quali sono i dispositivi di protezione individuale da usare.

Rispetto alle caducifoglie, i pini e in generale le conifere hanno delle peculiarità che interessano la potatura. Scoprile nel nostro articolo sulla potatura del pino di Natale.

Tagliare i rami e bruciare i nidi di processionaria è fattibile se a essere infestato è un singolo albero o se il problema riguarda poche piante. Al contrario, se l’infestazione coinvolge un’area ampia, eliminare le processionarie distruggendo i nidi invernali diventa molto impegnativo. In altri casi eliminare il nido è difficoltoso, ad esempio, perché è troppo alto. Dunque, a quali altri rimedi contro la processionaria ricorrere?

Da febbraio puoi concentrare la lotta sui bruchi, che dopo l’inverno fuoriescono dal nido e scendono dal pino per interrarsi, impiegando delle trappole meccaniche. Sono dei “collari” che fissi attorno al tronco e all’interno dei quali distribuisci dell’apposita colla, che blocca le processionarie.

Contro la processionaria sono sconsigliabili i trattamenti insetticidi – irrorando i nidi prima della fine dell’inverno o agendo sui bruchi in primavera, quando abbandonano il nido, o sulle giovani larve a fine estate, prima che si rifugino nel nido invernale –, perché non impediscono la dispersione della peluria urticante nell’ambiente.

Un altro sistema per eliminare le processionarie, o meglio per contenerne la diffusione, sono le trappole a feromoni: servono a catturare gli insetti adulti maschi prima che fecondino le femmine e diano vita a una nuova generazione. Vanno collocate su un ramo medio-alto, sul lato esposto al sole dell’albero, poco prima dello sfarfallamento, quindi da metà giugno. I feromoni sono innocui per l’uomo, gli animali e l’ambiente.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

21/09/2022

Potature, ramaglie e sfalci. Come smaltire i rifiut...

Come eliminarli? Sono bruciabili? Perché non riciclarli?

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

21/09/2022

Irrigare l'orto con la motopompa: ecco come farlo a...

Come, quando e quanto bagnare gli ortaggi

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

29/08/2022

Bordure per aiuole fai da te: 3 idee per un giardin...

Calcestruzzo, legno, metallo o altro?

Leggi tutto

Iscriviti alla Newsletter Efco

Per ricevere tante offerte, consigli e novità sul mondo del verde.

Ti invitiamo a visionare l’ Informativa Privacy art. 13 GDPR sul trattamento dei dati personali.
  • Il consenso è necessario per il ricevimento della newsletter.