Realizza un laghetto fai da te in semplici passaggi

Crea un’oasi di relax in giardino

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

28/03/2022

Tempo di lettura stimato circa 6 minuti

Vorresti allestire in giardino un laghetto ornamentale con ninfee e fiori di loto? Oppure ti piacerebbe popolarlo di pesci come le variopinte carpe koi? Abiti in campagna e vuoi creare una piccola oasi per la fauna che vive nella tua proprietà?

Per realizzare il laghetto in giardino fai da te dal punto di vista tecnico hai diverse possibilità. La soluzione più comune è fare uno scavo per installare una vasca di plastica preformata o per stendere un telo impermeabile che impedisca all’acqua di disperdersi nel terreno. Se il suolo del tuo giardino è argilloso – quindi per natura poco permeabile– può essere sufficiente scavare il bacino, senza necessità di impermeabilizzarlo. Se invece non intendi sterrare puoi optare per una struttura fuori terra da mettere in opera direttamente sul prato.

Qui vedremo come realizzare un laghetto fai da te interrato rivestito con un telo di plastica. È una soluzione a portata di mano che ti dà la libertà di personalizzare al 100% forma, dimensioni, profondità etc. del tuo laghetto artificiale.

Progettare un laghetto artificiale

Quando si tratta di fare lavori in giardino, prima di cominciare è meglio progettare a tavolino, così eviti problemi in fase di realizzazione: ne abbiamo parlato a proposito di progettare un giardino fai da te. Per prima cosa decidi dove collocare il tuo laghetto da giardino. È meglio che sia distante da alberi e arbusti che possono danneggiarlo con le radici e riempirlo di foglie, fiori, frutti (che se non raccolti marciscono in acqua favorendo lo sviluppo di alghe). Per pulire il giardino e allontanare tutto ciò che potrebbe sporcare il laghetto, usa il rastrello o il soffiatore.

In vista dello scavo per il laghetto fai attenzione anche a quanto potresti trovare nel sottosuolo: radici di piante vive (da mantenere intatte), tubi degli impianti domestici o dell’impianto di irrigazione del giardino etc. Il laghetto va posizionato in un punto soleggiato, in pieno sole o perlomeno al sole per mezza giornata (quindi a sud-est, sud o sud-ovest): se il tuo progetto prevede delle piante acquatiche è necessario perché possano vivere.

Scegli la forma del laghetto artificiale: geometrica o curvilinea? In quest’ultimo caso, oltre a risultare più naturale e più semplice da gestire nella stesura del telo impermeabile, minimizza eventuali imprecisioni. Proporziona le dimensioni del laghetto fai da te agli spazi del giardino e agli elementi circostanti (aiuole, vialetto, vegetazione etc.). Qui trovi alcuni spunti per creare un giardino zen, dove l’acqua è uno degli “ingredienti” caratteristici.

La profondità non deve essere né insufficiente né eccessiva: dipende da come organizzi il laghetto, per esempio da quali piante acquatiche vuoi mettere a dimora. Con una profondità massima di 80 cm puoi ospitare ninfee e piante acquatiche sommerse (ossigenanti), che hanno bisogno di circa 60 cm d’acqua (ipotizzando che questa non sfiori l’orlo del laghetto, ma stia a 15-20 cm sotto il piano di calpestio del giardino). Se lungo il perimetro crei uno scalino di circa 50 cm rispetto al piano di calpestio, puoi disporre anche delle piante palustri, in modo che abbiano al di sopra circa 30 cm d’acqua. Dimensioni e profondità corrette rendono stabile il laghetto rispetto alle temperature esterne invernali ed estive: un fatto positivo sia per il benessere dei pesci che lo abiteranno, sia per evitare che le alghe proliferino.

Se nelle vicinanze del laghetto hai deciso di creare una quinta verde di piante erbacee, puoi preparare il terreno delle aiuole con l’aiuto di una motozappa. Se invece vuoi predisporre un’area relax, dai un occhio a come costruire un gazebo fai da te.

Occorrente per realizzare un laghetto fai da te

Definito il progetto del laghetto da giardino, procurati i materiali necessari (le quantità dipendono dalle sue dimensioni):

  • Tessuto non tessuto da 300 g/m2.

  • Telo nero di PVC da laghetto spesso almeno 0,5 mm.

  • Materiale per rifinire il bordo del laghetto fai da te: ciottoli, lastre di pietra, tavole di legno, mattoni o altri elementi decorativi (considera quali materiali e colori sono già presenti in giardino).

  • Tubo di troppo pieno.

  • Altro, in base al tuo progetto: sistema di pulizia e ossigenazione con pompa e filtro, piante acquatiche (che da sole riescono a filtrare, depurare e ossigenare l’acqua del laghetto), pesci etc.

Per calcolare le dimensioni necessarie per il tessuto non tessuto e il telo in PVC, alla lunghezza massima di un lato del laghetto somma il doppio dell’altezza massima e 80-100 cm di “margine di sicurezza”; fai lo stesso per l’altro lato. Per il telo di PVC confronta il risultato, arrotondato per eccesso, con le misure dei teli da laghetto in commercio.

Ecco l’elenco di massima delle attrezzature per realizzare il laghetto da giardino fai da te:

  • Metro da muratore, cordella metrica etc.

  • Sistema per tracciare il perimetro dello scavo: secondo la forma puoi servirti di una fune, del tubo dell’acqua, di sabbia o assi di legno

  • Vanga

  • Zappa

  • Rastrello

  • Livella

  • Ciottoli, mattoni o altri pesi per fermare il telo di PVC mentre lo metti in opera

  • Cesoie, taglierino o forbici da lavoro

  • Motopompa o tubo dell’acqua per riempire il laghetto fai da te

Come realizzare un laghetto da giardino

Definito il progetto, approntàti materiali e attrezzature – puoi trasportare il tutto con una carriola o più comodamente con una motocarriola –, ecco i passaggi da seguire per realizzare il laghetto da giardino fai da te. Prima, se necessario, ripulisci l’area prescelta da erba e vegetazione con il decespugliatore:

  • Traccia il perimetro del laghetto in base alla sagoma e alle misure di progetto.

  • Scava con la vanga: se prevedi livelli a diverse quote procedi per piani successivi, approfondendo lo sterro solo per creare le zone più basse. Le pareti di scavo devono essere inclinate, non verticali.

  • Elimina pietre, resti di radici etc. – può esserti utile la zappa – e regolarizza i piani del laghetto con il rastrello.

  • Controlla, appoggiando la livella su un’asse di legno, che le sponde del laghetto artificiale siano grossomodo in piano.

  • Posa sul fondo del laghetto fai da te il tessuto non tessuto: serve a proteggere il PVC da radici, sassi appuntiti o altro che possa forarlo.

  • Distendi il telo di PVC facendolo aderire bene al fondo e alle pareti della conca, in modo da formare meno pieghe possibile.

  • Ferma il telo impermeabile ai bordi del laghetto con dei pesi, da togliere e riposizionare via via che aderisce allo scavo.

  • Inizia a riempire d’acqua il laghetto artificiale: ti aiuta a tendere piano piano il telo. Puoi usare la motopompa per immettere acqua piovana immagazzinata in un serbatoio di raccolta, in modo da non sprecare acqua potabile.

  • Taglia l’eccesso dei teli lasciando lungo l’intero perimetro un margine di 40-50 cm rispetto al bordo del laghetto.

  • Quando il bacino è pieno blocca i teli sul bordo: usa lastre di pietra, mattoni o altro materiale decorativo sia per camuffarli – così che non rimangano a vista – sia per rifinire la “riva”.

  • Infine installa il tubo di troppo pieno per mantenere fissa l’altezza dell’acqua del laghetto fai da te in caso di piogge abbondanti.

Articoli correlati

Ispirazioni / Consigli sempreverdi

21/09/2022

Potature, ramaglie e sfalci. Come smaltire i rifiut...

Come eliminarli? Sono bruciabili? Perché non riciclarli?

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

21/09/2022

Irrigare l'orto con la motopompa: ecco come farlo a...

Come, quando e quanto bagnare gli ortaggi

Leggi tutto

Ispirazioni / Guida all'utilizzo / How to

29/08/2022

Bordure per aiuole fai da te: 3 idee per un giardin...

Calcestruzzo, legno, metallo o altro?

Leggi tutto

Iscriviti alla Newsletter Efco

Per ricevere tante offerte, consigli e novità sul mondo del verde.

Ti invitiamo a visionare l’ Informativa Privacy art. 13 GDPR sul trattamento dei dati personali.
  • Il consenso è necessario per il ricevimento della newsletter.